Sospensione del credito alle famiglie

Accordo ABI-Associazioni dei Consumatori

Scarica il modulo di adesione

Lo scorso 31 marzo l'ABI e le Associazioni dei Consumatori hanno sottoscritto un nuovo accordo nell'intento di ampliare le misure di sostegno alle famiglie in difficoltà attraverso la sospensione della quota capitale dei finanziamenti a medio e lungo termine.

Le caratteristiche principali dell'Accordo sono le seguenti:

- Sospensione: sospensione per un massimo di 12 mesi della sola quota capitale dei crediti al consumo di durata superiore ai 24 mesi. La sospensione può essere richiesta solo una volta dal soggetto intestatario del finanziamento (o da uno dei cointestatari), e la domanda deve essere presentata entro il 31 luglio 2018. Nel caso i soggetti abbiano già usufruito di una sospensione del finanziamento per iniziative di Legge, Accordi con le Associazioni dei Consumatori o per autoregolamentazione, è possibile richiedere la sospensione fino al raggiungimento di 12 mesi complessivi, purchè siano trascorsi almeno due anni dall'avvio dell'ultima sospensione richiesta per il medesimo finanziamento. Nel periodo di sospensione sono ricomprese anche le eventuali rate scadute e non pagate fino ad un massimo di 90 giorni precedenti alla data di richiesta di sospensione;

- Quota interessi: la quota interessi, calcolata al tasso contrattuale sul debito residuo (inteso come la parte di debito in termini di quota capitale complessiva erogata da Consel al netto di quanto rimborsato), determinato al momento della sospensione, viene rimborsata alle scadenze originarie. La sospensione non determina l'applicazione di commissioni e/o interessi di mora per il periodo di sospensione tranne qualora l'intestatario del finanziamento non adempia al pagamento della quota interessi alle scadenze originarie. Durante il periodo di sospensione restano ferme e valide le clausole di risoluzione e/o decadenza dal beneficio del termine previste nel contratto;

- Periodo di sospensione: durante il periodo di sospensione il cliente ha facoltà in qualsiasi momento di richiedere il riavvio del piano di ammortamento. In tal caso non è più possibile richiedere la ripresa della sospensione per eventuali periodi residui. La ripresa del piano di ammortamento avviene al termine del periodo di sospensione con il corrispondente allungamento del piano di ammortamento per una durata pari al periodo di sospensione.

Consel attuerà la sospensione a condizioni migliorative per il Cliente, rispetto al Protocollo sottoscritto in origine, ovvero con accodamento a fine piano d’ammortamento dell’importo dell’intera rata oggetto della sospensione, senza che sia dovuto alcun pagamento di interessi nel periodo di moratoria.

La sospensione può essere richiesta nei seguenti casi:
- cessazione del rapporto di lavoro subordinato, ad esclusione del caso in cui la cessazione sia dovuta a dimissioni volontarie, risoluzione per limiti di età pensionabile, licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo;
- cessazione del rapporto di lavoro configurato come: agenzia, rappresentanza commerciale, contratti di collaborazione continuativa e a progetto, ad esclusione del caso in cui la cessazione sia dovuta a risoluzione consensuale, recesso datoriale per giusta causa, recesso del lavoratore non per giusta causa;
- sospensione del rapporto di lavoro o riduzione dell'orario di lavoro per un periodo almeno di 30 giorni, anche in attesa dell'emanazione dei provvedimenti di autorizzazione dei trattamenti a sostegno del reddito (cassa integrazione, ammortizzatori sociali in deroga, fondi di solidarietà);
- riconoscimento di handicap grave, ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ovvero di invalidità civile non inferiore all'80 per cento;
- morte o grave infortunio.
Gli eventi sopra descritti devono riguardare il soggetto intestatario (o uno dei cointestatari) del finanziamento e si devono essere verificati nei due anni antecedenti alla presentazione della richiesta.

Sono esclusi i seguenti casi:
- i finanziamenti con ritardo superiore ai 90 giorni, ovvero quelli per i quali sia intervenuta la decadenza del beneficio del termine o quelli per i quali si è realizzata la risoluzione del contratto;
- i finanziamenti che hanno già fruito di misure di sospensione per un periodo di 12 mesi;
- i finanziamenti che fruiscono di agevolazioni pubbliche (nella forma di garanzia, contributi in conto capitale o in conto interessi, provvista agevolata);
- i finanziamenti per i quali sia stata stipulata un'assicurazione a copertura del rischio di insolvenza, purchè l'assicurazione sia attiva nel periodo della sospensione;
- i finanziamenti assistiti dalla cessione del quinto dello stipendio o della pensione;
- i finanziamenti strutturati con carta di credito revolving o come aperture di credito.

E' possibile presentare la domanda, compilando il modulo ed inviandolo, unitamente a tutta la documentazione necessaria, a:

Consel Spa
Via Bellini 2
10121 Torino
oppure all'indirizzo mail clienti@e-consel.it.

La sospensione sarà attiva entro 30 giorni lavorativi dall'accoglimento della richiesta da parte di Consel, oppure entro 45 giorni lavorativi per finanziamenti cartolarizzati.

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL D.Lgs N. 196 DEL 2003

La presentazione della richiesta comporta il trattamento dei dati personali, in alcuni casi anche sensibili (nel qual caso cfr. la specifica Informativa in calce al modulo di richiesta), forniti che sarà effettuato dall'intermediario finanziario in qualità di Titolare autonomo del trattamento esclusivamente per le finalità relative alla sospensione del pagamento delle rate del finanziamento.
L'intermediario finanziario tratterà i dati in osservanza delle previsioni del D .lgs. n. 196/2003 (iv i compreso il profilo della sicurezza) con modalità anche informatiche ed esclusivamente per le finalità relative alla sospensione della quota capitale del finanziamento, e comunque ciascuno per il tempo strettamente necessario al raggiungimento di dette finalità.
l dati non verranno divulgati, nè comunicati o ceduti a terzi che non svolgano attività strettamente strumentali all'attuazione della sospensione del pagamento delle rate e ai sensi della normativa in questione, salvo che nei casi previsti dalla legge. In tal caso il suo consenso non è necessario, in quanto il trattamento dei Suoi dati è funzionale a dare corso alle sue richieste rispetto al contratto di finanziamento di cui Lei è parte.
Il conferimento dei dati è facoltativo, ma l'eventuale rifiuto di fornirlo porta all'impossibilità di accettare la domanda. E' garantito, ai sensi dell'art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003 il diritto di accesso ai propri dati come, a titolo esemplificativo, il diritto di aggiornamento, integrazione, rettifica, cancellazione, blocco o opposizione al trattamento rivolgendosi al Responsabile specificamente designato per il riscontro agli interessati all'indirizzo sotto riportato.

CONSEL S.p.A. - Ufficio Clienti
Via Bellini, 2
10121 Torino